Categoria: Segnalazioni
Stato: Corrente
mercoledì 29 Agosto 2018

PIRANESI PRIX DE ROME 2018 ESITI DELLA CALL INTERNAZIONALE PER LA GRANDE VILLA ADRIANA – DESIGNING THE UNESCO BUFFER ZONE

Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia in partnership con l’Istituto Autonomo Villa Adriana – Villa d’Este del MiBACT e in collaborazione con l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia

COMUNICATO STAMPA

PIRANESI PRIX DE ROME 2018
ESITI DELLA CALL INTERNAZIONALE PER LA GRANDE VILLA ADRIANA – DESIGNING THE UNESCO BUFFER ZONE

Si è conclusa, dopo un iter di sei mesi la Call Internazionale di Progettazione per la Grande Villa Adriana, il premio al merito scientifico organizzato nel quadro del Piranesi Prix de Rome 2018 dall’Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia in partnership con l’Istituto Autonomo Villa Adriana – Villa d’Este del MiBACT e in collaborazione con l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia.

Mercoledì 29 Agosto, presso la Casa dell’Architettura – Acquario Romano, si è svolta la presentazione pubblica dei ventuno progetti in concorso di fronte alla Commissione Scientifica internazionale composta da Andrea Bruciati, storico e critico d’arte, direttore dell’Istituto Villa Adriana – Villa d’Este; da Luigi Franciosini, ordinario di Progettazione Architettonica presso l’Università di Roma Tre e vincitore del Piranesi Prix de Rome 2016; Konstantinos Karanasos, architetto funzionario dell’Acropolis Restoration Service di Atene responsabile dei progetti di anastilosi dei Propilei; Fuensanta Nieto, socio fondatore di Nieto Sobejano Arquitectos e professore all'Universidad Europea de Madrid, vincitore del Piranesi Prix de Rome nel 2011; Giuseppe Proietti, sindaco di Tivoli, archeologo e già segretario generale del MiBACT, Giovanni Tortelli, socio fondatore di Tortelli e Frassoni Associati, vincitore del Piranesi Prix de Rome 2014; Alexander Schwarz, professore di Public Building and Design presso la Universität Stuttgart, co-direttore di David Chipperfield’s Architects Berlin e vincitore del Piranesi Prix de Rome 2016.

La Commissione Scientifica si è poi riunita ieri a Tivoli a Villa d’Este per il confronto finale in modalità palese dal quale è uscito vincitore del Piranesi Prix de Rome 2018 il progetto proposto dal Politecnico di Milano - Polo di Mantova Scuola Auic coordinato da Federico Bucci, Eduardo Souto de Moura e Angelo Lorenzi. Il secondo premio è stato attribuito all’Università Politecnica delle MarcheUniversità Leibniz di Hannover con il gruppo coordinato da Pierluigi Mondaini e il terzo premio è stato assegnato al gruppo Politecnico di Torino, coordinato da Paolo Mellano e João Nunes.

Altri riconoscimenti, in forma di menzione speciale e riconoscimento scientifico sono stati attribuiti a Fabio Fabbrizzi dell’Università di Firenze, a Carmen Adriani e Valter Scelsi dell’Università di Genova, a Dario Alvarez Alvarez e Miguel Angel de la Iglesia dell’Università di Valladolid – LabPap e a Renato Rizzi dell’Istituto Universitario di Venezia.

Infine, grazie al voto della platea dei centoventi studenti partecipanti al Piranesi Prix de Rome Universitario, è stata attribuita una Menzione d’Onore promossa dall’Azienda Sharebot al gruppo dell’Escuela Tecnica di Architettura di Barcellona – Politecnico di Milano Scuola AUIC coordinato da Josep Mias, Valerio Tolve e Alice Bottelli.